motori di ricerca

«

»

Nov 26

Stampa Articolo

INTERVISTA A B.AJAY SHARMA–INTERVIEW WHIT B.AJAY SHARMA

INTERVISTA A B.AJAY SHARMA

Qualche tempo fa ho fatto una chiacchierata con B.Ajay, un noto fotografo indiano, ho scoperto così delle cose interessanti che riguardano anche la sua vita. Tutto quello che fa suscita la mia curiosità, perchè oltre ad essere un artista di talento è una persona davvero interessante ed originale..

S. Parlaci della tua vita, come è stata la tua infanzia e come è nato l’interesse per la fotografia.

B-Ajay- ah ah ah, cara, è molto difficile parlare della mia vita qui, sono stupito di vedere me stesso in tanti rifugi, cambiare vita, spostarmi di villaggio in villaggio, di città in città, e città metropolitana, Vivo qui e li. Così ci sono molti contorni e linee di contrasti e ombre.  Oltre a tutto questo, la mia infanzia è incredibile e sorprendente per me. Ha lasciato un’impronta profonda della mia mente. E di tutte le mie molte domande sto cercando ancora la fonte. Sono allegro e libero e mi meraviglio di viaggiare con mia madre da città a città in Bihar e Calcutta Howrah, che è anche una grande tratto. Mi sono stupito di vedere Kolkata in Dura puja e Kali Puja, tutte città nelle quali risultano dei musei e delle grande installazioni.

La mia prima idea di arte è venuta dal mio villaggio. Il mio villaggio ospita una colonia di vasai. Mi capitava spesso di fuggire dalla scuola, per guardare i vasai. Come facevano i giocattoli e  le pentole e la statua della dea, come si dipingono i modelli, tutto per me è stato come se fosse magico. Io di solito rubavo l’argilla e facevo dei giocattoli nel mio villaggio dall’altra parte del fiume Gange. Zona paludosa, dove quasi nessuno mi distraeva, e siccome giocavo con il fango e l’argilla, venivo sempre rimproverato da qualche membro della mia famiglia. Così io andavo un po’ lontano dal mio villaggio lungo il fiume. Andavo molti fine settimana e la mia salute non è stata molto buona durante tutta l’adolescenza.

Ho anche il ricordo della morte dei miei antenati, come pure che mio zio e mio fratello erano preti e avevano cosi il potere di curare la gente, e nella loro famiglia parlavano dell’anima, degli antenati e della reincarnazione, mio fratello più anziano era seguace di Kabir e si è adattato alla reclusione(Vairag), lui viaggiava di villaggio in villaggio con i suoi libri,  indossando una veste bianca e mi ricordo che quando stava per morire io gli ero vicino, è un’immagine così chiara nella mia mente, è un mistero irrisolto per me. Mio padre era falegname, anche se non lo ricordo quando ero piccolo, ricordo che mia madre di solito andava a trovarlo in città,così io ho imparato molto con lui, a fare sculture in legno.

Dopo 8, 9 anni mia madre mi lasciò con mio padre per istruirmi a Deoghar Jharkhand, dove ho avuto come insegnante Satsang Asharam, così come il mio secondo e terzo fratello maggiore. Sto pensando tante cose, ma mi fermo a raccontarvi la parte che riguarda il mio GURU ( insegnante), di un giorno che andai a lavorare con mio padre e del mio negozio di mobili.

Io decoravo con tutti i miei disegni e le sculture in legno quello che mio padre creava per i mobili. Quindi il mio Guru venne in negozio per un lavoro e dopo aver visto un mio disegno chiese a mio padre di chi fosse, lui disse:” è di mio figlio”. Così lui disse:”Se mi date il bambino io ne farò un artista”. Iniziai la mia formazione con un insegnamento accademico, nel frattempo la telecamera mi riprendeva per tutto il tempo e imparai anche a fare “clic”con la telecamera analogica che avevamo allora, molto difficile da usare. Paban Roy è stato il mio primo insegnante che mi ha insegnato la pittura, la scultura e la fotografia molto bene con i lavori di Ratana Bali Kant.

S.- A quale progetto stai lavorando attualmente? Stai anche collaborando con un gruppo italiano..

B.Ajay-Oh! Questa è una domanda molto difficile per me, sapere su cosa sto lavorando. Da qualche tempo non ho alcuna idea definita, ma di sicuro si è avviato un processo di pensieri e di idee che poi mi portano al mio lavoro. Poi dopo qualche tempo tutto questo prende forma, ci vogliono tanto  tempo e idee per prendere forma. Così adesso sto lavorando per diverse idee e processi, come sapete io lavoro anche con la fotografia ed è molto difficile per me al momento fare altre cose, ma di base il mio lavoro è la fotografia e sto chiedendo informazioni sul prossimo lavoro. Sto lavorando con le procedure tradizionali che mi rallentano le fasi dal pensare ad eseguire i lavori, ora sto lavorando a tre, quattro cose con questo metodo. Il lavoro principale da più di quattro anni è Lost and Found che sta totalmente prendendo una forma diversa ma l’idea di base è lo spostamento del corpo, oggetto in richiesta dei fenomeni esisteziali dell’essere, così sto lavoranndo con #futurecollaborations dove ancora una volta abbiamo un’ idea dell’ indagare e ridefinire diverse questioni politiche e sociali del nostro paese in cui l’ideologia totalitaria fascista porta a una resistenza grande e sempre più grande, poi c’è l’ idea della libertà di espressione, anche noi ci mettiamo in discussione, cercando di osservare la nostra azione, perchè è necessario se io sono un fotografo, allorasolo quando ho guardato questa foto, e questa è una grande sfida di ricerca. Ancora una volta noi non siamo solo fotografi ma poeti, scrittori, performer, ballerini e insegnanti di curatori, quindi abbiamo davvero visto l’idea di uscire dalla nostra zona di comfort e aprire noi stessi, cioè decostrurire cioè che l’idea è di per sè. La collaborazione ora è una specie di trend, ognuno cerca di collaborare. In quale misura questo è importante? Anche l’ idea di un sipario, la funzione di esporre come spazio per parlare non solo tra di noi, ma stiamo anche chiedendo ai nostri più anziani professionisti di riflettere su questa pratica e sui vari problemi, così stiamo tutti collaborando con la cultura italiana. Il cantante di Delhi Premjish è l’iniziatore di questa idea, anche con il Centro Culturale Italiano, noi abbiamo cambiato e siamo grati per il Centro Culturale dove sono molto aperti a fare questo tipo di esperimenti. Ci sono molte cose da raccontare su questo, ma non sono adatto perchè non ho molte parole come uno scrittore.

S. Hai viaggiato molto nella tua carriera, nel tuo vastissimo paese, l’India e poi in Spagna, Stati Uniti, Taiwan, quale luogo e esperienza ti sono rimasti nel cuore?

B-Ajay-Non è del tutto vero, le persone viaggiano molto più di me, ma sì mi piace esplorare nuovi territori e le società, la musica, il cibo, le poesie, le persone e le loro esperienze. E ‘come un libro per me, io sono una persona che impara correndo e vivendo, devo viaggiare di più per il mio paese. Io viaggio molto poco, e questo è un luogo straordinario nel mondo, dove si possono vedere delle lingue molto diverse, la gente, il cibo, la musica, abiti di danza e costumi, la religione e la gente, del tutto pazzesca, penso che come paese ho l’esigenza e il  bisogno di guardare di più. Quello che ho, è molto poco per me, ogni diverso popolo e luogo hanno conquistato uno spazio di osservazione, cosi ogni loro paese ha riconquistato un’esperienza nel mio cuore.

S. Quali sono le tue ricerche e le tue scoperte in ambito fotografico oggi e cosa vuoi comunicare con il tuo lavoro?

B-Ajay-Una singola piazza ha un diverso angelo da definire in una singola materia in molti modi. Quello che voglio comunicare è molto difficile e non posso esprimerlo adesso, sto imparando ad esprimermi, atravverso diverse espressioni di forme d’arte. La mia ricerca nel campo della fotografia è di diverso livello e pratica rispetto alla fotografia in camera oscura, come pure nel campo della fotografia pubblica ha una vasta gamma di casse di raffigurazione, molto comunicative con gli spettatori. ho molto lavoro già fatto e in corso, mi sto solo allenando.Può darsi che un giorno quando guarderò indietro penserò che avrei voluto dire qualcosa in più, ma per adesso non mi sono voluto limitare ad un metodo o processo o stile o forse voi dite soggetto, ma di sicuro ho uno sguardo e una visione della fotografia e della pratica che non è nella media..Sto cercando di fare fotografia nel mio studio a Syah-Ghar con l’insegnamento, lavorando e collaborando con cose diverse dalla fotografia. Fatta con diversi linguaggi adesso è più complicata.

S. Essere specializzati in un settore fotografico secondo te può essere un vantaggio? Cosa consigli a chi sta iniziando?

B-Ajay- Si può essere una gran cosa lavorare nell’ambito della fotografia, molti miei amici fotografi stanno lavorando in maniera differente, ma io sto lavorando con la fotografia come un’arte pratica, non mi impegno col la cosiddetta industria fotografica che è una grande piattaforma e questo dà un grande vantaggio a chi se ne occupa e dà ad entrambi lo svantaggio di essere in competizione; nel mio caso ho iniziato come un artista e non come un qualsiasi fotografo. Quindi a mio parere io sono estraneo a tutto questo e il mio vantaggio è quello di non avere alcun timore a sperimentare con la pratica fotografica.

S-Con chi hai collaborato nel lavoro e che risultati hai avuto da queste collaborazioni?

B-Ajay- Per le collaborazioni noi tutti siamo amici ma per differenti settori come poeti, scrittori, curatori, ballerini, artisti esecutivi, scultori, insegnanti e fotografi, sono tutti diversi, stiamo “radendo al suolo”le diverse richieste delle attività, sociali, politiche e estetiche, nonche’ l’idea di frenare le nostre benefiche collaborazioni, passiamo oltre, penso che sia abbastanza, per questo penso che Premjis sia la persona migliore per dirlo, adesso stiamo facendo diverse attività, diversi linguaggi. attraverso la pratica diverse strade per comunicare.

S-LE TUE SPERANZE, I TUOI SOGNI, I TUOI PROGETTI FUTURI.

B-Ajay- Spero: L’amore, la pace, il lavoro, il cibo, la musica, la gente, gli amici, la famiglia. Sogno- di diventare un musicista famoso. Progetti: Lavorare adesso, lavoro presente che mi porti al futuro, ho una gran quantità di progetti nella mia agenda che non sono partiti, ma una grande quantità di idee sono ancora presenti nella mia agenda, così sono sempre alla ricerca del giusto posto per le mie idee. Non posso sapere il futuro

INTERVIEW WHIT B.AJAY SHARMA

Some time ago I had a chat with B.Ajay, a renowned Indian photographer, so I found out some interesting things that affect their lives. All he does arouses my curiosity, because besides being a talented artist is a really interesting and original ..

S. Tell me us about your Life how was your childhood and how did you interested in photography.

B-Ajay- ha ha ha, Dear very hard to tell about my life here, I am amaze to see my self sometime, so many lairs, death in life, displacement from village to Village, town, city, and metropolitan city, Life here and there. So many contour and line contrast and shade, Apart from all this, my childhood is amazing and surprising to me. Deep imprint of my mind. And all question still I am searching, and quarried. Joyful free and wondering, travel with my mother from city to city in Bihar and Kolkata Howrah, that is also a big part I was amaze to see Kolkata in Dura puja and Kali Puja, all city turn out in museum and huge installation.

My first impression from all art is from my village. The potter colony in my village. I often run away from school, to watch the potters. How they did making toy and pots as well statue of goddess how they paint patterns all for me is like a magic .I use to steal clay and making toys in my village other side of Ganga river. Flood part of area, where hardly anyone distracts me, because of playing with mud and clay I always threaten by family member. So I go little far from my village it was riverside. , I was very week and my health is not so good till adolescence.

Even memory of Death ancestor, as well in my family my uncle and brother was Priest and so may case about curing people, and their family, talking about soul of ancestor and person who turn out in sage, my elderly brother was follower of Kabir and he adapted the Reclusion(Vairag) , he travel village to village wearing white cloth and his books that memory I have and when he was dying I was his near, it was so clear image in my mind, it is unsolved mystery for me my father was carpenter but I don’t have any memory in early age my mother use to visit him in town , so all relation and bound with mother and later with father he was a carpenter craft person,. so I learn lot with him , wood carving . Then, after 8 -9 year my mother leave me with my father for education in Deoghar Jharkhand, where I father had job in SATSANG ASHARAM , as well my 2nd elder brother.3rd elder brother, my 3rd elder brother he is mentally challenge so I have very different encounter with him and we have different bound. So many thing I thinks, I think I stop the part and tell you about my GURU (teacher) one day I use to work with my father and my furniture shop. I decorate with all my drawings and wood carving what my father draw for furniture. So my guru come to his shop for a work after seeing my drawing he asked my father who is this, my father told that is my son, then he told my father “you give me your child I will make him an artist”. Then after he introduce with all academically training teaching and camera he is taking lot of photo all the time so sometime he give me and teach me how to click because that time we have analogue camera only,that is very difficult to give some one . Paban Roy is my first teacher who introduces me with painting sculpting photography, and well with performance of Ratana Bali Kant.

S. What are you working on currently? You are also working with an Italian group

B- Ajay-Now, OH! It is very difficult question for me,what I am working on. Some time I don’t have any idea about but definitely I have an thought process or notion which lead my work. then after some time it take shape, which take time and lot of process to take shape .So at the moment I work on different idea and process, as you know also working with photography it is very difficult for me to make some thing, so at the moment different things but core is of my work is photography and inquiry about what will be the next form of photo even I am working with very tradition process which make me more slow and think about image and execution of work ,several interphases in my work , now there is three ,four thing I have working on and all are connected but the practice of that is quit different because of the social condition and situation is different , main I am working on more the for four year is Lost and found “ which is totally taking different shape now core idea is displacement of body ,object in inquiry of existential phenomena of being , as well I am working with #futurecollaborations where again idea of inquiry and redefining several social political questions in our country where now totally fascist ideology and resist ideology is getting bigger and bigger, then there is idea of expression and freedom of expression , even we are question our self and trying to find and look our practice why it is necessary if I am a photographer then only I have to took photo, even if some this is big challenge and inquiry for us again we are not only photographer but poet , writers ,performer, dancer and teacher curator , so we are really looking idea of opening our self and get out from our comfort zone , that is de- construction of idea it self . Collaboration it now it is kind of trend every one looking for collaborating. What dose it mean for? Even idea of curtain, function of exhibiting space .as well talking not only with among us but we are also asking our senior practitioner to reflect on there practice and different issues as well it is all collaborate with Italian culture cantor delhi,Premjish is the initiator of the ideaand he is iniciat with Italian culture center . we have change and thankful to cultural center they are very open to make such kind of experiment. There is lot of thing I am not right person to talk on it because I don’t have lots of words as writers are,

S. You have travel a lot in his career. In your vast country, the India, Spain united stat Taiwan etc. As a place and experience you have left in your heart?

B-Ajay-It is not very true, people travel lot more then me, but yes I like to explore new geography and society, food music, poems, people and their experience. It is like a book for me, I am a person who learns with travel and life, for my country I have to travel more. I travel very little, and this is one of amazing space in world, where you can see very different people language, food, music, dance dressing, and custom, religion and people, totally mind blowing, I think as a place and experience I need to look more. What I have, it is very little for me, even different people and space has there won remark, so every space has their won remake experience in my heart,

S. What are your research and your discourse in photography today and what you communicate with your work?

B-Ajay- a single square have different angel to define in one single matter to many way. What I wanted to communicate it is very hard I cant express now, I am learning to express, through different expression of art form.

My search in photography is that different level and practice of photography in darkroom as well in public photography has very vast range of crating depicting as well communicating with viewers, so much work done and going on, I am just practicing. May be one day when I look back it would be something I wanted to say, now I don’t wanted to restrict my self with one method or process or style or you may say subject, but of Couse I have vision to look photography and practice, this is not the medium it is a practice so I am trying to practice photography though my studio “syah-ghar” and teaching, working and collaborating, different take of the photography. On different narration now it is more complex. If I clime my self as photographer I am an image make rather the photographer. Now every one is a photographer but practicing as image maker it take my practice to think about more what is photography mines what are the condition to produce photographic images which kind of space photography taking, now photography is all over traveling hundred space at the same time, and the viewer are different how it depicting as work of art or visual information or documentation of event, or you may say in about social media, who are the author of the tentative images, as well what is the alternative option to represent the photography. For me I am exploring the methodology with alternative phtography as well in digital I have both advantages again there is few things I am discussion which need to practice more. As well I am conducting workshop for alternative photography, in different art collage, to see the extension of process and concept, itself a big experiment, even my studio where artist come and work, it is community dark room. So, I am not only just doing photography for my self, there is more then. Lot’s of area I need to work since long I am working but it is on middy way, As a subject I told you in my life death it self is very large area where I am working and thinking as also in relation with Dark matter and all my works are reflection of that notion of relative matter of absent and present, like web world and cosmic world. How I execute that will change the context

S. Be specialized in Photography Industry, in your Opinion can an advantage? What Advise to anyone who is starting?

B-Ajay- Yes, this may be great to work in photography industry my most of photographer friend are working in diffent manner, but I am working with photography as an art practisonal not engage with so called photo industry it self a big platform and it have advantage of it, and disadvantage both they have defend challenge for photography, in my case, I began working as an artist, not with any traditional photography goner. So for me I am outsider .as well this is my advantage to not have any fear with experimenting with my photography practice. Very few are able to do that. Again this is for me a challenge and that is always with any kind of creative field, for beginner, now we have advantage of technology so in any age we can start photography as every one are but need to conscious about what exsaecly we are doing, and what is region behind doing to find the resource you inner joy what I like, and this develop with practice and time so we need to practice more as well we need to see masters how they developed the voice. What is the condition, we need to understand the history of photography and image making though different photography process, and find the your test. \

S. Whit whom you have worked in your work and what results have you had from these collaborations?

B-Ajay-For collaboration we all are friend but from different goner like Poet, writer, Curator, dancer, Performance artist, sculpture, teacher and photographer all are different, we are razing different inquiry about practice, social, political and aesthetical, as well idea of braking our comfort join, to come over, I think it is enough, for this Premjis is best person to talk, now we are conducting sever activity, inquiry though Talk, though survey, through Practice, sever way to communicate

S. YOUR HOPES, YOUR DREAMS, YOUR FUTURE PLANS.

B-Ajay-Hope -Love, peace, Work, food, music, people, friends, family. Dream- Become a Famous Musician; P, Work in present, work in present that lead me to future, lot’s of plan is just died in my sketch book lot of idea is still existing in sketch book, so I am always try to work and find the right place .I don’t know about future

Permalink link a questo articolo: https://www.artskyintheroom.com/intervista-b-ajay-sharma-interview-whit-b-ajay-sharma