motori di ricerca

«

»

Feb 07

Stampa Articolo

Ho’oponopono: tecnica della responsabilità emotiva-Ho’oponopono: technique of emotional responsibility

 

Ho’oponopono: tecnica della responsabilità emotiva

Ho’oponopono è un concetto antico per un mondo moderno. Si riferisce a un’arte hawaiana di risoluzione dei problemi prendendosi cura delle loro conseguenze più emotive, quelle che spesso non vengono tenute in considerazione.

Per riuscirci, dobbiamo saper chiedere perdono, correggere, farci perdonare e offrire gentilezza. In fin dei conti, è una strategia per la salute mentale con la quale facilitare una corretta responsabilità emotiva.

Ho’oponopono è una pratica molto radicata in varie isole della Polinesia, e anche se per loro aveva una connotazione chiaramente spirituale (lo scopo era quello di collegarsi con la divinità stessa), è stato solo nel 1976 che questa interessante filosofia è giunta al mondo occidentale in un modo tanto rivelatore quanto utile.

Ti amo, e se ho risvegliato in te sentimenti ostili mi dispiace e ti chiedo perdono. Grazie!

Fu Morrnah Nalamaku Simeona, sacerdotessa e guaritrice hawaiana, ad adattare l’ho’oponopono tradizionale alle realtà sociali di oggi. Dicono di lei che questo suo traguardo è stato un vero e proprio tesoro, un regalo nel campo della crescita personale e, soprattutto, al mondo della psicologia positiva. Se in passato questa pratica veniva effettuata in gruppo con tutti i membri di una famiglia, attualmente è stata resa individuale per poter essere praticata in ogni momento e quando ci è necessario.

L’Ho’oponopono ci permette di liberarci della zavorra, di reindirizzare le tensioni, di depurare gli errori e di incanalare tutti i problemi radicati che prima o poi, come sappiamo, si somatizziamo sotto forma di malattie. Riuscirci può essere molto più facile con questa antica tecnica…

 

Ho’oponopono: una pratica con cui favorire la convivenza

Gli hawaiani credono che le persone siano collegate le une alle altre tramite l’aka. Si tratta di una sorta di condotto “eterico” attraverso il quale fluisce l’energia vitale. A volte, però, questo condotto o canale invisibile si debilita o si ammala a causa delle nostre differenze, dei problemi che ci trasciniamo dal passato, delle bugie, delle parole pronunciate o di quelle taciute. L’energia smette di scorrere così armoniosamente e a quel punto succede, sorge il malessere, i problemi, i disturbi.

L’Ho’oponopono aiuta a guarire l’aka. Ripara questo legame con le persone importanti per noi e ci permette di ristabilire il contatto con noi stessi. A definire questa filosofia, infatti, è la capacità di praticare la bontà nel suo senso più ampio, così come un perdono attivo e avvolgente che inizia nell’individuo e che riconosce ciò che è etico, ciò che è virtuoso e nobile.

È chiaro, tuttavia, che non si tratta di una psicologia basata sulla scienza. Tuttavia, nonostante la sua tradizione spirituale e non sperimentale, è stata molto efficace nel risolvere vari problemi sociali: atti di criminalità, controversie tra gruppi di quartiere, famiglie, diverse etnie e anche problemi esistenziali di buona parte della comunità hawaiana.

È noto, ad esempio, che l’Ho’oponopono è stato usato nei programmi carcerari con grande successo. Gli anziani guidavano i detenuti in questa pratica per risolvere tensioni e conflitti, favorendo in questo modo un’adeguata catarsi emotiva che migliorava la coesistenza negli istituti penitenziari delle Hawaii.

Divinità, pulisci in me tutto ciò che sta contribuendo a far comparire questo problema, permetti che tutto ciò che è perfetto e corretto per tutti gli interessati sia rivelato.

Come applicare l’Ho’oponopono nella vita di tutti i giorni?

L’Ho’oponopono è il codice del perdono e della responsabilità emotiva. Questa filosofia invita a riflettere su un elemento molto importante: tutti i conflitti nascono dall’individuo. Non dobbiamo cercare colpe esterne, non bisogna far ricadere sugli altri tutta la responsabilità di quello che ci accade, ci infastidisce o ci priva di calma. Tutti noi abbiamo il potere di cambiare le cose e renderle favorevoli con la gentilezza, il buon senso e la coerenza etica ed emotiva.

Per raggiungere questo obiettivo, per dare forma a questa energia curativa che costituisce l’ho’oponopono, dobbiamo mettere in pratica le seguenti strategie.

I 5 passaggi dell’ho’oponopono

  • Prendere coscienza dei nostri atteggiamenti, emozioni o comportamenti negativi, quelli che ci separano dalle persone che amiamo, quelli che hanno un impatto sul nostro benessere e sulla nostra libertà personale.
  • Assumersi la responsabilità delle proprie azioni, delle cose dette e di quelle non dette, di ciò che è stato fatto o evitato, di quello che non si è tentato o degli errori e delle loro conseguenze.
  • Visualizzare e provare l’amore. Dobbiamo sperimentare vividamente l’affetto che proviamo per quella o quelle persone che abbiamo trascurato. Apriremo un “canale” interiore che ci collega con l’altra persona.
  • È il momento di fare il grande passo, di chiedere perdono. Tuttavia, dobbiamo chiarire una cosa importante: nella cultura occidentale si tende a dire “mi dispiace” e crediamo che questo sia sufficiente. Ma per completare il ciclo in modo corretto, dobbiamo anche ricevere il perdono dall’altra persona, si deve ascoltare il “ti perdono”.
  • Sperimentare la liberazione. Gli hawaiani dicono che quando l’aka si connette di nuovo, quando il vincolo viene guarito, le nostre anime sono di nuovo libere. È una sensazione meravigliosa che ci permette di sentirci più pieni, più leggeri e pronti a riprendere le nostre strade con più sicurezza e saggezza.

L’Ho’oponopono è, come si vede, una filosofia eccezionale in grado di garantire il nostro benessere e la qualità delle nostre relazioni. Mettiamolo in pratica.

Riferimenti bibliografici:

Pukui, Mary Kawena e Elbert, Samuel H (2009). Hoʻoponopono: Contemporary Uses of a Hawaiian Problem Solving Proces University of Hawaii (1986) ISBN 978-0-8248-0703-0

Simeona, Morrnah, Self-Identity through Hoʻoponopono, Basic 1, Pacifica Seminars (1990)

Vitale, Joe, Hew Len Ph.D (2011), Zero limits. Ed. Hajefa, Uitgeverij

Per gentile concessione di La Mente è Meravigliosa

Ho’oponopono: technique of emotional responsibility

Ho’oponopono is an ancient concept for a modern world. It refers to a Hawaiian problem-solving art taking care of their most emotional consequences, those that are often not taken into account.

To succeed, we must know how to ask forgiveness, correct, forgive and offer kindness. Ultimately, it is a mental health strategy with which to facilitate correct emotional responsibility.

Ho’oponopono is a practice very rooted in various islands of Polynesia, and although for them it had a clearly spiritual connotation (the purpose was to connect with the divinity itself), it was only in 1976 that this interesting philosophy has reached the world Western in a way that is as revealing as it is useful.

I love you, and if I have awakened in you hostile feelings I am sorry and I ask you forgiveness. Thank you!

It was Morrnah Nalamaku Simeona, a Hawaiian priestess and healer, who adapted the traditional ho’oponopono to today’s social realities. They say of her that her goal was a real treasure, a gift in the field of personal growth and, above all, in the world of positive psychology. If in the past this practice was carried out in groups with all the members of a family, it has now been made individual in order to be practiced at any time and when it is necessary.

Ho’oponopono allows us to get rid of ballast, to redirect tensions, to purify errors and to channel all rooted problems that sooner or later, as we know, we somatize in the form of diseases. Succeeding us can be much easier with this ancient technique …

Ho’oponopono: a practice with which to encourage coexistence

Hawaiians believe that people are connected to each other through the aka. It is a sort of “etheric” conduit through which the vital energy flows. Sometimes, however, this invisible duct or channel weakens or becomes ill because of our differences, the problems that we drag from the past, lies, words spoken or silenced. The energy stops flowing so harmoniously and at that point it happens, the malaise, the problems, the disturbances arise.

Ho’oponopono helps heal aka. It repairs this link with the important people for us and allows us to re-establish contact with ourselves. To define this philosophy, in fact, is the ability to practice goodness in its broadest sense, as well as an active and enveloping forgiveness that begins in the individual and recognizes that which is ethical, that which is virtuous and noble.

It is clear, however, that this is not a science-based psychology. However, despite its spiritual and non-experimental tradition, it has been very effective in solving various social problems: acts of crime, disputes between neighborhood groups, families, different ethnic groups and even existential problems of a large part of the Hawaiian community.

It is known, for example, that Ho’oponopono has been used in prison programs with great success. The elders led the inmates in this practice to resolve tensions and conflicts, thus favoring an adequate emotional catharsis that improved coexistence in Hawaii’s prisons.

Divinity, cleanse in me everything that is contributing to make this problem appear, allow all that is perfect and correct for all concerned to be revealed.

How to apply Ho’oponopono in everyday life?

Ho’oponopono is the code of forgiveness and emotional responsibility. This philosophy invites us to reflect on a very important element: all conflicts arise from the individual. We must not look for external faults, we must not let the others bear the responsibility for what happens to us, it annoys us or deprives us of calm. We all have the power to change things and make them favorable with kindness, common sense and ethical and emotional coherence.

To achieve this goal, to shape this healing energy that constitutes the ho’oponopono, we must put into practice the following strategies.

The 5 steps of the ho’oponopono

Become aware of our negative attitudes, emotions or behaviors, those that separate us from the people we love, those that have an impact on our well-being and our personal freedom.

Take responsibility for one’s actions, for things that are said and for what is not said, for what has been done or avoided, for what has not been attempted or for errors and their consequences.

Visualize and experience love. We must vividly experience the affection we feel for that or those we have overlooked. We will open an inner “channel” that connects us with the other person.

It’s time to take the big step, to ask for forgiveness. However, we must clarify one important thing: in Western culture we tend to say “I’m sorry” and we believe that this is sufficient. But to complete the cycle correctly, we must also receive forgiveness from the other person, we must listen to “forgive you”.

Experience liberation. The Hawaiians say that when the aka connects again, when the bond is healed, our souls are free again. It’s a wonderful feeling that allows us to feel fuller, lighter and ready to resume our roads with more security and wisdom.

The Ho’oponopono is, as you can see, an exceptional philosophy able to guarantee our well-being and the quality of our relationships. Let’s put it into practice.

courtesy of  La Mente è Meravigliosa

Permalink link a questo articolo: https://www.artskyintheroom.com/hooponopono-tecnica-della-responsabilita-emotiva-hooponopono-technique-of-emotional-responsibility

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>